venerdì 25 maggio 2012

Come ti impegno le bambine

008Ogni tanto, nella caotica gestione dei nostri pomeriggi, mi capita di chiedere: “per favore, qualcuno mi tiene le bimbe?”. Come dire: devo interrogare L’Ingegnere in geografia, correggere il compito di italiano del Cavaliere. Ho da cucire un bottone su un grembiule e so che posso farlo solo ora (problemi del passato, ora cuce La Sartina). Oppure sto cucinando, ed è proprio quel momento (ogni tanto succede), in cui non posso farmi aiutare dalle piccoline, pena la mancata realizzazione della cena (succede di solito quando mi accorgo di soprassalto che sono le sette e dieci, non c’è nulla di pronto e urge un’idea dell’ultimo minuto per risolvere la serata).
Insomma, succede. Così mi è capitato di domandare qualche giorno fa, e siccome non è che alla domanda sempre risponda una pronta disponibilità, e una adeguata realizzazione del proposito, mi è capitato di stupirmi per la calma improvvisa che si è creata. E anche di voler sapere chi avesse fatto cosa con loro, per tenerle distanti da me per tanto tempo (ndr. per chi non fosse mamma: esiste un momento della giornata, che inizia più o meno intorno alle 18:30, in cui improvvisamente tutti esprimono esigenze contemporaneamente, i più grandi parlano ininterrottamente, le piccole domandano tutto, e il contrario di tutto, possibilmente mettendosi fisicamente tra me e quello che ho intenzione di fare. Da noi si chiama l’ora K, quella in cui mi tramuto dalla mogliettina serena e in trepidante attesa del marito – che mi chiama sempre quando sta uscendo o è appena uscito dall’ufficio – nello straccetto sfatto che lui si trova davanti quando arriva a casa).
Quel pomeriggio La Sartina, da ragazzina giudiziosa quale sta diventando, ha pensato che per liberarmi almeno momentaneamente dal mio dolce fardello di duenne e quattrenne affamate e bisognose d’affetto, doveva inventarsi qualcosa di davvero interessante.
Utilizzando un articolo che abbonda sempre in casa nostra, ha realizzato insieme alle sorelline due braccialetti personalizzati, con da una parte il ritratto, dall’altra il nome della proprietaria del braccio orgoglioso che li avrebbe sfoggiati.
Davvero un successo: la cena è approdata felicemente alla tavola, io sono riuscita a prepararla senza fare lo slalom tra esserini frignanti e La Sartina era tutta orgogliosa di essermi stata davvero utile!
Mi rivolgo ora alla mia futura con-suocera: ma chi se la meriterà, davvero, una nuora così?

13 commenti:

  1. Ma meravigliosa questa ragazza! Ho riso un sacco dell'ora K, io ho solo due figli (4 anni e 18 mesi) e davvero dalle 18.30 all'ora di cena sono insopportabili. In genere mio marito rincasa che hanno già mangiato e sono belli satolli e sorridenti e mi fa "ma lo vedi che figli adorabili che hai!???" GRRRR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio poveretto per lo più entra quando c'è ancora il caos, però loro sono bravissimi a ricomporsi, perché sanno che quel sant'uomo ha sulle spalle non solo la giornata di lavoro, ma anche il viaggio, nel traffico del rientro. Iniziata la cena, di solito torna la calma.

      Elimina
  2. noto con MOLTO piacere che anche da voi 18,30 rappresenta un orario terribile !!! anche da noi proprio intorno a quell'ora, a volte anche una mezz'oretta prima ... tutti vogliono la MAMMA! anche io talvolta :) ...
    da oggi diventa anche per me L'ORA K: mi piace moltissimo!
    ... a presto! monica

    RispondiElimina
  3. Io la prenoto per i miei figli: ho due bellissimi maschietti, biondi e occhi azzurri,può scegliere liberamente! decisamente più giovani di lei, ma cosa vuoi che sia l'età????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé, se sono molto più giovani ho altre due "damigelle", da offrire. Magari non sono ancora in gamba come la sorella, ma spero che l'esempio le aiuti a crescere sulla stessa strada!!

      Elimina
  4. Ah, ma quindi non è solo la mia che alle 18.30 diventa improvvisamente una belva!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, comunque, è il calo degli zuccheri...

      Elimina
  5. Leggo con piacere che dalle 18.30 in poi, anche da voi, si scatena l'inferno. Io spesso farei volentieri un balzo temporale dalle 18.25 alle 20.45 ora dell'inizio trafila per la nanna!!! Un abbraccio a tutte e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! E quelle rare volte che il marito è in casa, cerco di eclissarmi ai fornelli, anche se non funziona molto...

      Elimina
  6. da quello che leggere alle 18:30 potremmo consolarci tutte pensando che anche altre mamme sono alle prese con gli stessi esseri affamati ed urlanti!
    La Sartina è mitica... mi sa che però il Patatone è proprio troppo piccolo ... già stavo preparando il matrimonio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripeto anche a te: ne ho altre due!! Possiamo sempre combinare...

      Elimina
  7. L'ora K... Tumulto e tempesta, la stanchezza che arriva, la cena da preparare.... Per avere la possibilità di cucinare devo avere un antipasto per la mia duenn (di solito qualche avanzo del pranzo), mi dovrò procurare una fascia per la mia nuova arrivata (duemesenne) la magia dei braccialetti ideata dalla tua sartina mi pare perfetta per il mio bimbo grande di 4 anni. Grazie per quanto ci racconti!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...